ALGORITMI, IL GIGANTE ADDORMENTATO

24.8.2021 L’editoriale di Alessandro Feroldi per grandangolare.com


Cina: il gigante addormentato


Napoleone definì la Cina “un gigante addormentato”. “Lasciatelo dormire – aggiunse – perché al suo risveglio il mondo tremerà”. I primi segni di risveglio ci furono nel febbraio 1972, quando il presidente americano Nixon fu accolto a Pechino dal leader del Partito Comunista Cinese Mao Tse Tung, ben contento di abbandonare Mosca per Washington.

L’Afghanistan nel caos, militare e istituzionale, è ora l’occasione di un secondo risveglio cinese, una conferma della Via della Seta, Est-Ovest, e un rifornimento di strategiche materie prime: rame, ferro, cobalto, litio, oro, pietre preziose, e soprattutto terre rare, i metalli delle nuove tecnologie.

La Cina ora torna protagonista a livello mondiale, e gioca sul tavolo afghano con Pakistan, Iran, Russia, Turchia. Tutte potenze in crescita nel vuoto di politica estera creato dal ritiro americano e dalla discordia dei Paesi europei, che neanche affrontano il problema dei migranti, né le crisi più vicine del Nord Africa (Tunisia, Libia) e del Medio Oriente (Libano, Siria). Per ora in Afghanistan predominano Cina e Pakistan, con Islamabad più che desideroso di ingraziarsi Pechino. Lontanissimi i tempi dell’Asia centrale zarista e sovietica, un pallido ricordo la Guerra Fredda. Mosca mantiene l’ambasciata a Kabul, mentre alle frontiere russe crescono le crisi in Ucraina, Bielorussia, Armenia-Azerbaigian dove si affaccia la Turchia. Il mondo decisamente si sposta a Oriente.

Ne parliamo giovedì alle 16 nel programma tv “Oggi vi presento - Algoritmi di Alessandro Feroldi”

https://youtube.com/channel/UCzj4lDOBWy4Ul0qBUz43_XA

https://www.twitch.tv/oggivipresento




1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti