ALGORITMI, CALPESTI E DERISI

21.9.2021 L’editoriale di Alessandro Feroldi


Calpesti, derisi


Bolletta gas: consumi € 159,79; totale da pagare 452,08 (300% in più). Componenti accessorie materia prima 38,13; trasporto, gestione contatore, oneri di sistema 76,96; accise e addizionali 87,62 (imposta erariale) e 15,64 (addizionale regionale), su tutto Iva 22%.

Abbiamo chiuso la casa cittadina per andarci a riparare dal Covid in isolamento. Nei mesi in cui la casa era chiusa, zero consumi, le bollette luce e gas sono state quasi uguali a quando ci viviamo e usiamo l’energia. Ergo, le bollette sono in massima parte imposte. Imposte su cosa se non consumiamo (tassazione indiretta) e non guadagniamo (tassazione diretta)? L’Iva sulle accise si chiama tassa sulla tassa, è incostituzionale secondo le sentenze di Cassazione e Corte Costituzionale.

Assicurazione auto 1.000 cc: RC auto e altri rischi 766,46; imposte 118,27 (15%); servizio sanitario nazionale 66,27 (9%). Totale rischi 766,46 totale imposte 184,54 totale generale 951€.

Dall’Inno di Mameli, quand’eravamo “calpesti e derisi” dallo straniero, oggi siamo all’invasore in casa: il nostro stesso Stato, un nemico impunito. La Costituzione prevede la progressività delle imposte. E dov’è la progressività nel consumo dell’energia, dei carburanti, della tassa rifiuti? Perfino il gigante addormentato dell’Unione Europea ha censurato l’Italia, intimando di togliere le tasse accessorie spalmate su qualunque bolletta o tassa comunale e regionale.

Ne parliamo in tv streaming ad “Algoritmi di Alessandro Feroldi” giovedì 23.9 alle 16


0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti